LEDS for Africa

LEDS for Africa - Scuola Ponta Cabral

LEDS For Africa: un progetto per lo sviluppo sostenibile

Nel mondo quasi 1 miliardo di persone vive in condizioni di povertà energetica, privo di accesso ad una forma adeguata e sicura di energia elettrica


L’iniziativa

LEDS for Africa è un progetto a carattere tecnico-umanitario creato dalla nostra associazione per rispondere alla richiesta di dotare di energia elettrica pulita un villaggio rurale isolato in Guinea Bissau, denominato Ponta Cabral.

Il nostro obiettivo è di installare in tutte le abitazioni (circa un centinaio) un piccolo impianto fotovoltaico autonomo (Solar Home System), in grado portare, per la prima volta, la luce elettrica alle famiglie che vi abitano.

Solar Home System

Schema del Solar Home System LEDS for Africa

L’importanza di tale intervento è data dal fatto che l’energia è un fattore abilitante essenziale ai fini dello sviluppo e del riscatto sociale: l’illuminazione notturna consentirà alle persone di proseguire anche dopo il tramonto attività fondamentali, quali il lavoro, lo studio e la cura della casa. Inoltre, la valorizzazione della fonte solare (pulita, gratuita e abbondante), produrrà benefici diretti e immediati alla salute (soprattutto delle donne, tradizionalmente più esposte ai fumi dei bracieri domestici e alle fatiche della raccolta della legna) – oltre a generare ricadute economiche positive per tutto il villaggio.

Ogni casa sarà dunque inizialmente dotata di un pannello fotovoltaico, una batteria per l’accumulo di energia, un impianto di illuminazione a LED e un controllore elettronico che gestirà i flussi di potenza. Non sono esclusi eventuali ampliamenti e potenziamenti futuri.

Parallelamente a questo, ci occuperemo anche della formazione degli abitanti del villaggio, in modo da inserire questa tecnologia in un contesto sociale informato e autosufficiente, per garantire che la popolazione mantenga i dispositivi in buono stato negli anni a venire. La sostenibilità ambientale manterrà un ruolo prioritario nel nostro progetto, in accordo con i nostri valori fondamentali e con volontà di contribuire, anche solo in piccola parte, all’attenuazione della povertà energetica e delle sue implicazioni in termini di sottosviluppo e degrado.

Ponta Cabral LEDS for Africa

L’area di Ponta Cabral, il villaggio coinvolto dal progetto. Per gentile concessione della dott.ssa Katia Zanatta


Come nasce il progetto

A destra: Frate Micheal Daniels e il prof. Massimo Guarnieri

A Quinhamel, il capoluogo più vicino, è presente la missione francescana diretta dal frate italo-statunitense Michael Daniels, co-fondatore e presidente onorario dell’associazione Onlus Spirit in Dance. Fra Micheal si è reso promotore di un piano di sviluppo locale che punta a realizzare diversi interventi, tra cui la bonifica dei terreni, l’elettrificazione del villaggio e il recupero delle tecniche di risicoltura tipiche.

Il nostro lavoro si inserisce appunto nell’alveo di questo progetto, il cui scopo ultimo è di fornire alla popolazione locale degli strumenti di sostentamento efficaci, duraturi e sostenibili. I professori Piergiorgio Alotto e Massimo Guarnieri del Dipartimento di Ingegneria Industriale, una volta coinvolti in questa iniziativa, hanno affidato la parte relativa all’elettrificazione alla nostra associazione.


Stato attuale e prospettive

Agli inizi di Gennaio abbiamo effettuato il primo viaggio in Guinea Bissau, per svolgere un sopralluogo direttamente a Ponta Cabral. Grazie alla calorosa accoglienza di tutti gli abitanti del villaggio e della missione di Padre Micheal, abbiamo potuto verificare le condizioni della strada e delle case, nonché installare un primo impianto pilota sul tetto della scuola locale.

Primo sopralluogo a Ponta Cabral, villaggio rurale della Guinea Bissau

Publiée par LEDS for Africa sur Mercredi 5 février 2020

Nel frattempo siamo sempre impegnati nelle attività di test e collaudo delle soluzioni individuate, svolgendo tutte le operazioni in laboratorio presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale. Nei prossimi mesi procederemo alla preparazione dei componenti che abbiamo già ordinando, organizzando contemporaneamente la spedizione del materiale, e delle attrezzature necessarie all’installazione in loco. 

Foto delle prime prove in laboratorio

Publiée par LEDS for Africa sur Vendredi 14 juin 2019


La raccolta fondi

Scorcio di Ponta Cabral Guinea Bissau). Su gentile concessione della Dott.ssa Katia Zanatta

La nostra previsione è che il costo totale dell’intervento si aggirerà attorno i 70.000 €, comprensivi di 130 impianti fotovoltaici autonomi, attrezzatura varia, spedizione del materiale via nave e viaggio aereo a/r per un piccolo team di persone (che lavorerà a titolo gratuito, affiancato da manodopera locale).

Ci stiamo pertanto rivolgendo a varie istituzioni ed organizzazioni per ottenere supporto e contributi. Dall’Università di Padova in particolare abbiamo ricevuto un finanziamento complessivo di 19’000 €, a copertura delle spese del laboratorio, dell’acquisto di parte del materiale e del primo viaggio in Guinea Bissau.

Abbiamo inoltre lanciato una campagna di sensibilizzazione e crowdfunding sulla piattaforma buonacausa.org per raccogliere tramite donazioni una parte della somma necessaria. 

I nostri interlocutori per il momento sono: l’Università di Padova, il Dipartimento di Ingegneria Industriale, il Comune di Padova, il Centro Studi Giorgio Levi Cases, il Lions Club Piove di Sacco, Spazio Verde srl, la dott.ssa biol. Katia Zanatta, i proff. Guarnieri e Alotto del DII.


SOSTIENICI EFFETTUANDO UNA DONAZIONE!

Sostieni LEDS for Africa

Presentazione del progetto


Con il patrocinio di:

Logo DII Comune di Padova Logo Levi Cases

Contatti

Mail LEDS for Africa  Pagina Facebook LEDS for Africa


Email Share Tweet Share Follow Follow Print