La raccolta differenziata in Italia cresce

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Pubblicato da Il Sole 24 Ore il 31 Ottobre 2017


In dieci anni la raccolta differenziata in Italia è raddoppiata. Secondo il Rapporto Rifiuti urbani 2017 redatto dall’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), presentato oggi a Roma, si è passati dal 28,5% del 2006 al 52,5% del 2016. Nel Nord circa 9,1 milioni di tonnellate di rifiuti sono state gestite sulla base di questa modalità, contro le 3,5 milioni di tonnellate del Sud e le 3,2 del Centro. Il che, tradotto in percentuale, significa che la raccolta differenziata è al 64,2% nelle regioni settentrionali, al 48,6% per quelle del Centro e al 37,6% per le regioni del Mezzogiorno. Rimane il fatto che oltre 433 mila tonnellate di rifiuti urbani vengono mandate all’estero, soprattutto in Austria e Ungheria.

Ripartizione percentuale della gestione dei rifiuti urbani (2016). Fonte: ISPRA

La più alta percentuale di raccolta differenziata si registra in Veneto (72,9%), seguito da Trentino Alto Adige ( 70,5%) e Lombardia ( 68,1%). Fanalino di coda la Sicilia con appena il 15,4 per cento. Il Lazio (42,4%) è superato dalla Campania (51,6%) . Le posizioni si invertono se si passa ad analizzare la situazione dei principali centri urbani: Roma è al 42% di raccolta differenziata (+3,2% rispetto al 2015), contro il 31,3% di Napoli (in crescita di oltre sette punti percentuali rispetto al 2015). In generale, nel 2016 Roma ha prodotto quasi un milione e 700mila tonnellate di rifiuti urbani contro le oltre 519mila tonnellate di Napoli. La capitale è il comune con oltre 200mila abitanti che ha prodotto più rifiuti urbani. […]


Leggi tutto l’articolo:

Più raccolta differenziata in Italia

Email Share Tweet Share Follow Follow Print