Non Si Fermano Gli Incendi In Australia

Australia Wildfire December 2019

Dopo le temperature record registrate l’anno scorso con picchi di 45°C, l’estate australiana torna con una nuova e drammatica emergenza: da più di tre mesi l’area sud-orientale dell’isola (il New South Wales) brucia a causa degli incendi boschivi che stanno distruggendo la vegetazione e sterminando la fauna selvatica – compresi migliaia di koala.

Australai fires 4 January 2019

La costa est è la più colpita dal disastro, ma centinaia di roghi divampano in tutto il Paese, comprese le isole minori. E non è solo il patrimonio naturale ad essere minacciato: le fiamme hanno avvolto decine di centri abitati e minacciano di lambire anche le due principali metropoli del continente, Sydney e Canberra.

Per la conta dei danni definitiva si attende la fine dell’emergenza, ma le stime parlano di oltre 60’000 kmq di foresta andati in fumo, quasi 1500 abitazioni perdute, 23 morti e una decina di dispersi, mentre il numero di sfollati (turisti compresi) cresce man mano che le città a rischio vengono evacuate.

Per chi abita nelle zone coinvolte (in particolare nelle popolose regioni dello Stato di Victoria e del New South Wales) la situazione non è semplice: le temperature estive hanno raggiunto picchi senza precedenti (con massime che in alcuni luoghi superano i 45°C); l’aria è resa a tratti irrespirabile dalla coltre di fumo che copre il cielo e invade le strade; i rifornimenti di cibo e carburante scarseggiano, mentre i servizi elettrici e di telecomunicazione rischiano il collasso – ove non siano già interrotti.

Australia 2019 TemperaturesL’Australia è da sempre teatro di incendi boschivi nel periodo estivo, ma negli ultimi anni la situazione è stata fortemente esasperata da una prolungata siccità, che perdura sin dal 2017. Il Dicembre appena trascorso è stato il mese più caldo e più secco della storia di questo paese. Colpa del riscaldamento globale e di un particolare fenomeno climatico di larga scala, denominato IOD (Indian Ocean Dipole) positivo.

L’IOD positivo registrato nel 2019 è il più forte verificatosi negli ultimi sessant’anni ed è responsabile tanto degli incendi in Australia, quanto delle piogge torrenziali e delle alluvioni nel Corno d’Africa: esso infatti colpisce entrambe le sponde dell’Oceano Indiano, intensificando le precipitazioni sulla costa orientale africana e riducendole fortemente nel sud-est asiatico.


Approfondisci:

The Australia Wildfires In Pictures
Australia Fires: A Visual Guide


Email Share Tweet Share Follow Follow Print