Non Si Fermano Gli Incendi In Australia

Australia Wildfire December 2019

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.


Dopo le temperature record registrate l’anno scorso con picchi di 45°C, l’estate australiana torna con una nuova e drammatica emergenza: da più di tre mesi l’area sud-orientale dell’isola (il New South Wales) brucia a causa degli incendi boschivi che stanno distruggendo la vegetazione e sterminando la fauna selvatica – compresi migliaia di koala.

Australai fires 4 January 2019

La costa est è la più colpita dal disastro, ma centinaia di roghi divampano in tutto il Paese, comprese le isole minori. E non è solo il patrimonio naturale ad essere minacciato: le fiamme hanno avvolto decine di centri abitati e minacciano di lambire anche le due principali metropoli del continente, Sydney e Canberra.

Per la conta dei danni definitiva si attende la fine dell’emergenza, ma le stime parlano di oltre 60’000 kmq di foresta andati in fumo, quasi 1500 abitazioni perdute, 23 morti e una decina di dispersi, mentre il numero di sfollati (turisti compresi) cresce man mano che le città a rischio vengono evacuate.

Per chi abita nelle zone coinvolte (in particolare nelle popolose regioni dello Stato di Victoria e del New South Wales) la situazione non è semplice: le temperature estive hanno raggiunto picchi senza precedenti (con massime che in alcuni luoghi superano i 45°C); l’aria è resa a tratti irrespirabile dalla coltre di fumo che copre il cielo e invade le strade; i rifornimenti di cibo e carburante scarseggiano, mentre i servizi elettrici e di telecomunicazione rischiano il collasso – ove non siano già interrotti.

Australia 2019 TemperaturesL’Australia è da sempre teatro di incendi boschivi nel periodo estivo, ma negli ultimi anni la situazione è stata fortemente esasperata da una prolungata siccità, che perdura sin dal 2017. Il Dicembre appena trascorso è stato il mese più caldo e più secco della storia di questo paese. Colpa del riscaldamento globale e di un particolare fenomeno climatico di larga scala, denominato IOD (Indian Ocean Dipole) positivo.

L’IOD positivo registrato nel 2019 è il più forte verificatosi negli ultimi sessant’anni ed è responsabile tanto degli incendi in Australia, quanto delle piogge torrenziali e delle alluvioni nel Corno d’Africa: esso infatti colpisce entrambe le sponde dell’Oceano Indiano, intensificando le precipitazioni sulla costa orientale africana e riducendole fortemente nel sud-est asiatico.


Approfondisci:

The Australia Wildfires In Pictures
Australia Fires: A Visual Guide


Email Share Tweet Share Follow Follow Print